mercoledì 25 marzo 2020

UMBRA NEVE






UMBRA NEVE                                                                               

Cadi dalla volta
come materia celeste
incompresa negli sguardi degli animali
che non ti hanno veduta
mai.
Ricopri i tetti
col tuo splendido candore
e ammassi alle finestre le famiglie
in quarantena immaginaria.
Rendi la vita un sogno
o un sogno la vita
quando le ceneri domestiche
tanto confortanti non furono
mai;
anche le statue antiche
delle piazze accarezzano l'ultimo
passante
mentre alla già bianca Luna
s'approssima l'incendiario
Sole.
Risplende la luce
mattutina sulle foglie bianche
disciolte
e un bambino stropiccia gli occhi
per capire se nel sogno
vegli o sia desto.



Diego Farfanelli                                                              Perugia, 25 marzo 2020

Nessun commento:

Posta un commento

NORA

La città punico-romana  si eleva sull'altura a picco  sul mare con le rovine millenarie diventate libri aperti di Storia e nidi ancestra...