giovedì 2 aprile 2020

Abbiamo bisogno di contadini...


Eccovi un'altra lirica del poeta contemporaneo Franco Arminio che sento di poter definire decisamente attuale. La forza dell'arte sta, spesso, nell'essere profetica rispetto ai tempi in cui muove i suoi malcerti passi, quando osa raccontare storie diverse da quelle a cui tutti noi - irretiti dal frenetico turbine degli eventi quotidiani - siamo sordidamente avvezzi.




Abbiamo bisogno di contadini,
di poeti, gente che sa fare il pane,
che ama gli alberi e riconosce il vento.
Più che l'anno della crescita, 
ci vorrebbe l'anno dell'attenzione.
Attenzione a chi cade, al sole che nasce
e che muore, ai ragazzi che crescono,
attenzione anche a un semplice lampione,
a un muro scrostato.
Oggi essere rivoluzionari significa togliere
più che aggiungere, rallentare più che accelerare
significa dare valore al silenzio, alla luce,
alla fragilità, alla dolcezza.



testo di Franco Arminio, Cedi la strada agli alberi, Chiarelettere 2017
quadro Il contadino di Carlo Fornara

Nessun commento:

Posta un commento

NORA

La città punico-romana  si eleva sull'altura a picco  sul mare con le rovine millenarie diventate libri aperti di Storia e nidi ancestra...